Verbale Giuria ed. 15 - Gruppo Alpini Arcade

Gruppo di Arcade
Sezione di Treviso
A.N.A. - Associazione Nazionale Alpini
Vai ai contenuti

Verbale Giuria ed. 15

Albo d'Oro del Premio > Tutte le edizioni > Edizione15
ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI
Sezione di Treviso e Gruppo di Arcade

PREMIO LETTERARIO
Parole Attorno al Fuoco
PREMIO NAZIONALE PER UN RACCONTO SUL TEMA

“La Montagna: le sue storie, le sue genti, i suoi soldati, i suoi problemi di ieri e di oggi”

XV EDIZIONE - Arcade, 5 gennaio 2010
VERBALE DELLA GIURIA



Che un concorso letterario come “Parole attorno al fuoco” di Arcade rappresenti una sorta di fiore all’occhiello per la Sezione Ana di Treviso non è una novità. Anzi, rappresenta, con la realtà del Portello Sile (luogo espositivo e di conferenze) e con quella teatrale del “Progetto Bedeschi” di Onigo, la terna vincente, per così dire, della realtà culturale scarpona trevigiana.
Una riprova la si ha in questa edizione del Premio, la quindicesima, che ha visto tre conferme: quella del buon numero di partecipanti (sessanta), la provenienza (da tutta Italia e dall’estero), il livello di eccellenza dei primi tre racconti premiati e quello di notevole dignità dei selezionati, fra i quali piace sottolineare il testo di un alpino ultranovantenne della provincia di Biella.
Ancora: fra gli autori presi in considerazione dalla commissione giudicatrice, taluni erano stati segnalati in precedenti edizioni del concorso, confermando la loro validità e continuità nel lavoro di narratori.
La giuria ha operato, come sempre, con serenità e affiatamento, riconoscendo, appunto, il livello alto dei racconti, letti e valutati assolutamente anonimi, come ricevuti dalla segreteria, e quindi lavorando in piena trasparenza .
I segnalati sono:

“EL GRIO” NON SALTA PIU’…
di Enrico Brambilla – Almenno San Bartolomeo (Bergamo)

LA CATTURA
di Laura Vicenzi – Bassano del Grappa (Vicenza)

LA CONVIVENCIA, L’UMILTAT E LA MESURA
di Valter Ferrari – Tortona (Alessandria)

BIANCA
di Rita Mazzon – Padova

ITACA
di Paolo Pergolari – Perugia

LA MADONNA DI CASEN
di Aristide Albertazzi – Quittengo (Biella)

LA SCELTA DI TONE
di Pieraugusto De Pin – Arcade (Treviso)

La giuria conferisce come segue i PREMI SPECIALI

Trofeo Cavalier Ugo Bettiol” per un racconto su tema di particolare attualità a:

IL RINGHIO DELLA MONTAGNA
di Iosetta Mazzari – Vigonza (Padova)

Lo spunto è il recente sisma in terra d’Abruzzo: quel terremoto di rovine e di morte che viene preannunciato, si legge nel racconto, da una specie di ringhio. Due persone: un uomo e una donna, fra “l’urlo della montagna” e “il silenzio del mondo”, e due amori: fra l’uomo e la donna, nonché dell’uomo per la montagna. Una realtà drammatica resa con un ritmo battente, essenziale, e una prosa scarna eppure eloquente.

Rosa d’argento Manilla Bosi sposa, madre e sorella di Alpini” per un racconto avente come protagonista una donna a:

RICORDO CHE…
di Katia Tormen – Trichiana (Belluno)

Attraverso gli occhi di una bambina… - la bambina guardava - scorrono il dolore, il tremore, la speranza, ultima a morire, di una madre che vuol continuare ad attendere: “in spe contra spem” - viene quasi da osservare - il figlio partito soldato e che dalla Russia non ha più fatto ritorno. La bambina-sorella avrà un giorno i resti di quel Caduto tanto attesi dalla madre. Delicatissima vicenda, altrettanto delicatamente narrata, tra la consapevolezza dell’amore-dolore della vecchia e la realtà personale di sentimenti non compiutamente sentiti (e vissuti) quando si perde un congiunto che poco si è conosciuto, come accaduto alla bambina.

La Giuria proclama vincitori della quindicesima edizione del Premio “PAROLE ATTORNO AL FUOCO”

ALZO GLI OCCHI VERSO I MONTI
di Laura Gatti Casati – Voghera (Pavia) - 3° classificato

Un ritorno in montagna dopo anni, dopo una disgrazia che ha stroncato una giovanissima vita, e il ricordo, il rimorso, del sacerdote che quella comitiva di ragazzi aveva a suo tempo accompagnato. Rimorso che è pure riflessione, meditazione, confronto, sulla scorta, anche, delle opinioni di un vecchio saggio alpino. Fra i monti, però, alzando gli occhi al cielo, si può ritrovare la serenità della coscienza illuminata dalla fede e il conforto della preghiera affidandosi al Signore.

PRADERADEGO
di Gian Domenico Mazzocato – Treviso - 2° classificato

Fra storia (il mondo degli zattieri) e favola, vita vissuta e leggenda, le acque del fiume, gli anfratti, le grotte, il paese, la famiglia, si dipana la vicenda di Vito, ragazzo innamorato della natura. Fra il Bellunese (Mel) e la Marca Trevigiana (Miane), Praderadego è il piccolo mondo di una realtà umana dell’Ottocento non scevra da credenze e timori ancestrali, con voli di rapaci (maleauguranti e mortiferi) fra il respiro dei monti e lo scorrere delle acque della Piave. Un racconto che scorre proprio come quelle acque fluviali: un ritmo lento, un respiro ampio, e un soffio di poesia che alita sulla pagina, anche laddove arriva la morte.

UN VUOTO NEL BOSCO
di Karim Mangino – Salerno - 1° classificato

Sul filo della memoria, l’amore e la guerra, la natura e le stagioni della vita, alla fine delle quali, il vecchio, stanco, partigiano torna nel bosco stupendo, teatro della lotta, dove aveva perso gli amici e la donna del cuore. Il “vuoto del bosco” è quello lasciato dai morti impiccati dai nazisti, materialmente realizzato con l’abbattimento degli alberi della morte nel dopoguerra.
Lì, nella visione di eventi lontani, anche per il protagonista arriva la fine: in una dimensione di molta pace, di abbandono, di catarsi, sotto il bianco della neve.
Il racconto procede con un ritmo fluido, toni sommessi (quasi), lontani da qualsivoglia retorica, a volte con accenti lirici, coinvolgendo, fin da un inizio ricco di mistero, il lettore.

Giovanni Lugaresi
Presidente della Giuria
Torna ai contenuti