Le nostre Adunate Nazionali - Gruppo Alpini Arcade


Associazione Nazionale Alpini
Gruppo di Arcade

Title
Vai ai contenuti

Le nostre Adunate Nazionali

Storia del gruppo
ADUNATA !!



Bassano del Grappa, 3 – 4 ottobre 1948: prima Adunata Nazionale dopo la fondazione del Gruppo A.N.A. per l’inaugurazione del ricostruito “Ponte degli Alpini”. Il Gruppo partecipa in forma ufficiale, preceduto non dal gagliardetto, che sarà inaugurato nel 1954 ma da un vistoso cartello con la scritta a mano “Gruppo di Arcade – Sezione di Treviso”.
Alpini partecipanti: circa quindici. Supporti logistici: una tenda canadese, un paiolo, un treppiede e un mestolo per la polenta. Vettovagliamento: alcuni salami e qualche fiasca di vino.
Mezzi di trasporto: bicicletta fino a Montebelluna, poi treno via Castelfranco. Pernottamento: paglia a terra in un magazzino della caserma del Battaglione Bassano.
Sarebbe interessante seguire l’evoluzione organizzativa del Gruppo per la partecipazione alle Adunate cui ha sempre partecipato dal 1948 a oggi; ma può bastare un raffronto fra quella prima Adunata e le due ultime svoltesi alle estremità Nord e Sud dell’Italia: Catania ed Aosta.

Catania, 11 - 12 maggio 2002.
L’amico degli Alpini Paolo Mutton, conduttore della manifestazione del Panevin, fa da tramite fra il Gruppo e l’ “Associazione Atletica Misterbianco” –  un Comune a pochi chilometri da Catania -  che, con il consenso dell’Amministrazione Comunale, sollecitata anche dal Sindaco di Arcade,  mette a disposizione il Palatenda  che diventerà alloggio per i trentasette Alpini partecipanti.
Partenza giovedì 9 con pullman della ditta Valter de Marchi (Alpino del Gruppo che fornisce il servizio di trasporto per tutte le iniziative del Gruppo medesimo) sul quale sono caricate anche le attrezzature della cucina e la maggior parte delle vettovaglie necessarie. Pranzo a secco, cena e pernottamento all’Hotel Certosa di Padula (SA). Venerdì 10. Proseguimento del viaggio e arrivo a Misterbianco nel tardo pomeriggio. Accoglienza festosa e ospitalità squisita sia da parte dei dirigenti dell’ A.A.M. che dell’Amministrazione Comunale. Il Gruppo ringrazia con l’offerta di una cena, ovviamente preparata dalla sua cucina, agli ospiti ed alle autorità del paese e l’invito alle manifestazioni del 5 gennaio: premio “Parole attorno al fuoco” e “Panevin”. Sabato 11: visita alla città di Catania e festa Alpina della vigilia. Domenica 12: sfilata verso le 10,30 ed enorme soddisfazione quando lo speaker cita il Gruppo di Arcade come estremamente attivo e promotore di molteplici iniziative che vanno dalla sfera culturale (“Parole attorno al fuoco”), a quella folkloristica (“Panevin”), a quella sociale ed umanitaria (Protezione Civile, Coordinamento disabili, ecc).
Partenza nel pomeriggio, cena e pernottamento  ancora a Padula.
Lunedì 13: visita e pranzo a Sorrento ed escursione alla Costiera Amalfitana. Cena e pernottamento all’Hotel “nuova serenella” di S. Nicola La Strada (CE)
Martedì 14: visita alla Reggia di Caserta la Reggia, breve sosta a Montecassino con visita all’Abbazia  e rientro ad Arcade nella tarda serata.
Il 4 gennaio successivo giungono, ospiti del Capogruppo Cav. Florindo Cecconato, il Presidente dell’A.A.M. Santo Spino e i suoi collaboratori Nello Privitera e Santo Baudo accompagnati dalle rispettive consorti. Alla cena offerta loro al ristorante “Ai tre pioppi”  intervengono anche il Sindaco di Arcade Turri, alcuni Assessori e diversi fra gli Alpini più impegnati nell’organizzazione delle due manifestazioni. Al termine il tradizionale scambio di doni e di interventi oratori nei quali sono sottolineati il valore dell’amicizia instauratasi fa Arcade e Misterbianco, la soddisfazione degli ospiti per l’accoglienza ricevuta e il loro profondo apprezzamento per le manifestazioni cui hanno assistito.

Aosta, 11 maggio 2003.
Più scarna la cronaca, ma ancora eccellente l’organizzazione.
Già dall’estate precedente l’Alpino Ernesto Vello, in visita alla sorella che vive ad Aosta, aveva avviato contatti con il Comitato Permanente che coordina le manifestazioni cittadine e, per suo tramite, un’Associazione Bocciofila  che avrebbe messo a disposizione i suoi locali. Per gli accordi specifici Il Capogruppo e lo stesso Vello si recarono ad Aosta nel mese di febbraio. Poi, insieme all’Alpino Valentino Sordi, precedettero il Gruppo, da mercoledì 7 maggio, per l’allestimento del capannone. Gli altri 53 Alpini partecipanti – diversi accompagnati dalle consorti per le quali erano state reperite camere in città – giunsero nel primo pomeriggio di venerdì 9, sempre con pullman GT dell’Alpino De Marchi, in tempo per la messa in funzione della cucina e la preparazione della cena.
Brioso come il solito il sabato precedente la festa, utilizzato da molti per la visita alla città e ai dintorni.
Entusiasmante la sfilata, resa interminabile vuoi dal numero dei partecipanti, vuoi dal fatto che le vie strette della città non consentivano la tradizionale marcia  “per dodici”. Il  Gruppo sfilò alle 11, circa.
Mattinata libera lunedì 12 maggio, pranzo e partenza per il rientro; arrivo ad Arcade nel tardo pomeriggio e cena tradizionale presso la sede con pancetta alla griglia.
Ne ha percorso di strada il Gruppo, dal ’48 ad oggi, sotto l’aspetto logistico e organizzativo. Ma altrettanta, e forse di più, ne ha fatta nella partecipazione attiva, e spesso determinante, alla vita del paese.
Alcune immagini di qualche nostra partecipazione alle adunate

Nel sito attuale le ommagno non sono visibili - errori...
Torna ai contenuti