Verbale della Giuria ed. 22 - Gruppo Alpini Arcade


Associazione Nazionale Alpini
Gruppo di Arcade

Title
Vai ai contenuti

Verbale della Giuria ed. 22

Tutte le edizioni > Edizione22
ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI
Sezione di Treviso e Gruppo di Arcade

PREMIO LETTERARIO
Parole Attorno al Fuoco
PREMIO NAZIONALE PER UN RACCONTO SUL TEMA

“La Montagna: le sue storie, le sue genti, i suoi soldati, i suoi problemi di ieri e di oggi”

XXII EDIZIONE - Treviso, 8 Gennaio 2017
VERBALE DELLA GIURIA



Nell’anno dell’adunata nazionale di Treviso, intitolata al Piave, e in questo arco di tempo in cui si ricorda la Grande Guerra, ecco all’appuntamento col Premio Parole Attorno al Fuoco, cinquantanove autori provenienti da tutta Italia. E fra questi autori la giuria non ha avuto difficoltà a riconoscere eccellenze meritevoli di riconoscimento, valutando pressoché all’unanimità i testi primi classificati.
I racconti segnalati sono:

L’ULTIMO DEI CABUR
di Mario Magnin - Cison di Valmarino (TV)

STORIA D’ALPINO, DI UN MULO E DI UN BAMBINO
di Martina Pastori - Rho (MI)

STELLE CADENTI
di Roberto Cipolato - Funo di Argelato (BO)

TUTTO IL FIATO CHE RESTA
di Jacopo Azzimondi - Sant’Ilario d’Enza (RE)

GLI SCARPONCINI DA MONTAGNA
di Fiorella Borin - Milano

IL PRINCIPE DI NEVE
di Davide Bacchilega - Lugo (RA)

SCOGLIO DURO DI UOMINI
di Gian Domenico Mazzocato - Treviso

La Giuria conferisce come segue i PREMI SPECIALI:

Trofeo Cavalier Ugo Bettiol” per un racconto su tema di particolare attualità a:
UN POSTO RIPARATO TRA LE MONTAGNE di Davide Coltri - Caprino Veronese (VR)

Si scioglie in tono discorsivo, quasi in presa diretta, per così dire, il racconto in prima persona di un incontro, di un’esperienza, fra montagne che non sono quelle italiane. Kurdistan, lotta dei nostri giorni, e uno scambio di opinioni, di idee, al centro delle quali la saggezza di un soldato che combatte l’Isis spiega il perché tanti si uniscano all’Isis: “Perché hanno dimenticato il limite”. E questa escursione in mezzo alla natura a un certo punto si fa catarsi, perché “dalla cima delle montagne siamo riconciliati con il nostro limite e siamo in pace”.

Rosa d’argento Alpino Carlo Tognarelli” per un racconto avente come protagonista una donna a:
UNA GERLA APPESA A TIMAU di Pieraugusto De Pin - Arcade (TV)

Nel clima celebrativo della Grande Guerra, con il mito degli Alpini, crea suggestioni profonde anche quello delle portatrici carniche, in primis la mitica Maria Plozner Mèntil, medaglia d’oro al valor militare alla memoria. Il racconto si dipana fedele alla storia, ma con quel di più di inventiva dell’autore che costruisce dialoghi e stati d’animo di una umanissima quotidianità vissuta pericolosamente con la consapevolezza di dover fare, di dover donare, di questa eroica donna e delle sue generose amiche.

La Giuria proclama vincitori della ventiduesima edizione del premio “PAROLE ATTORNO AL FUOCO”:

ANASSO E LO SCONCIO di Adriano Stella - Spresiano (TV) - 3° classificato

Anasso (così si chiamava il Piave fino al sesto secolo) è il nome di un mulo e lo “sconcio” era il conducente di questi quadrupedi. Una umanissima e originale realtà scarpona entrata a pieno diritto nel mito degli Alpini, una storia lunga e ricca di eventi spesso straordinari. In questo racconto, il rapporto fra conducente e mulo, in un contesto militare di guerra è reso con un ritmo narrativo avvincente, tale da coinvolgere anche chi per la prima volta viene a contatto con questa realtà.

LA CROCE di Rita Mazzon - Padova -  2° classificato

Il ritorno nella casa dell’infanzia, il contatto con oggetti cari appartenuti ai genitori, costituiscono il viatico a una scoperta fra vecchie carte trovate in un cassetto. La vicenda riguarda il nonno dell’io narrante, nella Grande Guerra, e la rievocazione di un incontro di due nemici, attraverso una lettera del militare austriaco catturato dagli Alpini, che negli occhi dell’ufficiale italiano non trova odio, “solo misericordia”. Entrambi di religione cattolica, si scambiano alcuni oggetti e l’austriaco riceve una croce di ferro, la stessa che spedirà nel dopoguerra al figlio dell’ex “nemico”, nel frattempo deceduto. Con toni soffusi, quasi una lenta avvolgente sinfonia, l’autrice crea atmosfere e propone riflessioni su conflitti e potere, azioni belliche, senza trascurare il rapporto instaurato fra i due nelle escursioni in montagna, luoghi da scoprire, il cui respiro tocca lo spirito.
 
L’ATTILIO di Stefano Talamini - Torri di Quartesolo (VI) - 1. classificato

Due fraterni amici, Attilio, Severino, e la guerra: uno non la vuol fare e non la farà, nascosto fra i monti; l’altro riuscirà a tornare a baita dopo la ritirata di Russia, ma con problemi di salute (agli arti inferiori), e non volendo esporsi, dopo l’8 settembre, starà ugualmente nascosto in quel di Cortina. Ma l’Attilio, con non comune coraggio e senso del sacrificio, si sobbarcherà l’onere, il peso non soltanto morale, ma pure fisico, di una movimentata avventura. Caricarsi il povero amico e “aggiustarselo” sulle spalle compiendo a tappe un lungo percorso. Nella descrizione di questo faticoso cammino, il lettore viene coinvolto in virtù di un sapere narrar scorrevole, fra timori, pause, cedimenti di forze, speranze, fino all’epilogo di fine guerra che vedrà l’Attilio, a suo tempo compare di nozze dell’amico, pronto a far da santolo “a qualcuno che stava arrivando da un altro ben misterioso viaggio”... Un inno all’amicizia, vera, “praticata”, senza cedimenti alla retorica

Giovanni Lugaresi
presidente della Giuria
Torna ai contenuti