Alpino Amadio - Gruppo Alpini Arcade

Gruppo di Arcade
Sezione di Treviso
A.N.A. - Associazione Nazionale Alpini
Vai ai contenuti

Alpino Amadio

Storia del Gruppo > Testimonianze di guerra
Storia del Gruppo di Arcade
Testimonianze di guerra

Dagli appunti presi nel corso di un'intervista effettuata il 10 marzo 1972.
Alpino AMADIO Giuseppe - classe 1915 - Divisione Julia - 9° Rgt. Alpini - Battaglione "Val Cismon".
Venne richiamato alle armi il 7 settembre 1939 ed inviato a Courmayeur, nella cui zona erano in corso lavori di fortificazione e di sistemazione difensivo-offensiva in vista deII'attacco alla Francia. Successivamente fu a Ceresole Reale e al Piccolo San Bernardo dove lo colse la dichiarazione di guerra alla Francia (10 giugno 1940).

R. - ...ma i e stadi so'amente che oto dièse di de guèra. I francesi 'i era de manco de noaltri, ma ben postadi e armadi e scondesti in te i forti. Al Piccolo San Bernardo 'l primo colpo de canon francese ha rabalta do' casse de scatoéte zó par 'a valle. Dove che i francesi 'i ha resistìo de pi' xe sta' al forte de 'e Traversette. 'I Alpini 'i ha fato cordate per andar sù; la nostra artiglieria 'o tempestéa de colpi; e lori i seguitava a sbarar! I 'véa corajo, 'sti francesi! Finamente che 'i artificieri i ha fato saltar tut e i 'von trovai brusai come 'e rane! E quei che iera restai vivi i è vegnesti fora e i se ga 'reso; 'i Alpini i ghe ga fato el "presentat-arm", lori 'i è sfiiai davanti a 'i Aipini e dopo 'i li ga abrassadi. A 'e quatro de 'la sera l'è riva' i'ordine di "cessate il fuoco"; e a'ora là tuti che i se déa 'a man, che i se ciapéa a brassoco'o; e tuta 'n'aegria: come a 'a sagra de Madonéta, parché~ se credéa che 'a guera 'a fusse fenida... E 'nveçe el bèo... el pèzo... iera 'ncora da vègner. Da 'a son 'ndadi 'vanti finamente Grénoble; son stai 'a un pochi de mesi a presidiar e dopo son tornai a Feltre.
D. - Quando e da dove siete partiti per la Russia?
R. - A 'a fin de giugno del quarantado' son partidi per Aidussina e son restai 'a quaranta di. E da 'a son partidi al quindese de agosto - el di de 'a Sagra de Cusignana - e son 'rivai a Isium dopo dódese giorni de viajo: dódese di de treno, che ogni tanto se ferméa e 'i me déa un poco de rancio caldo. Dopo son 'ndai a Rossosk e 'a son stai tre di soto 'e bombe d'aereo; che 'i vegnéa un drioman de que'altro. Son 'ndai 'vanti, che se se viçinéa al front, e se 'von fermai a Podgornoje; 'a 'i me ha da' un paco che vegnéa da' Italia e ghe n'era dentro tre lamette par farse 'a barba, un pèr de calsetti de 'ana e una scatoéta de latte condensato: figurarse! Con quel bisogno de tut che se 'véa! E 'vanti, finamente che son nivai sul Don e 'on dat el cambio ai rumeni. 'Ori 'i se iera fermai a quasi a'o scoperto e no i 'véa parecia' gnent; e noaltri 'von scominçia' far buse, caminamenti e gaerie, come che 'e fa 'e rùmoe in t'un pra'. Se 'ndéa a tajar alberi par far 'e armadure e in diçembre, co' l'è riva' el fred e 'a neve se iera tuti ben imbusai.
D. - In quel periodo il fronte era calmo?
R. - 'Bastansa. 'I se sbaréa qualche fusiàda fra 'e patuglie de qua e de a del Don... qualche colpo de mortajo... Ma morti e ferii ghe n'~ sta' anca a'ora. Mi ho vist morir Pagòt: gl'iera drio 'na m~da de forment... 1'è 'rivada 'na bomba de mortajo e la 'o ga verto tut... come 'na rana. E la ho vist anca Giuseppe Boscarato. Un di i me ha manda' a Podgornoje a préevar 'na bóte de vin; mi, un çerto Piva e Favaro Bruno, un da Barcon che '1 véa 'na gran paura de morir (Po' un di el ga tira' 'na fusiada a 'na lùja, 'i lo ha cava' da conduçente, 'i lo ha rimanda' in compagnia e de 'u no' ho pi' savesto gnent): gl'iera el di de 'a sagra de Nervesa. 'A, a Podgornoje trovon un napoetan e Piva ghe ga dito:
- Se te me dà 'na gaveta de vin, mi te dae un franco-marco (i me paghea a marchi, 'a).
- Gnanca parlar!
'Von béesto fin che se iera pien fa squài: se 'varia vendu' anca 'i spaghi dée scarpe par vin! 'Ndon 'a dal deposito e se fon far el buono par tre bót, inveçe che de una come che se dovéa ciòr sù. Vien 'vanti tre bót ma 'e iera vode; noaltri cargon quée tre bót vòde e una de piena e fon par 'ndar via; ma tuti i soldai che 'i iera 'a 'i ha scominsia a dir: - Ghe n'è vin! Ghe n'è vin - e tuti 'a intorno che i me vardéa e i voéa vin!
- Pare mi i mùi! - go dito: ghe go dà col moscheto, dove ciapée ciapée, e son reussidi 'ndar fora. Ma se lera imbriaghi da non dir. E via par 'a strada co' sti mùi che i coréa! Son rivai a' accampamento e von rabalta' sù 'a tenda del co'onèo.
- 'Co can! - go dito mi - 'Sta qua 'a è 'a volta che i me fusiéa!
I me ha ciapa' e i me ha liga' al pa'o davanti a 'a linea; e'a, anca par 'a paura che russi i me sbaresse, me ha passa' 'a ciòca. A 'a not no so sta' bon de dormir parché 'vée paura che i me fusiésse al di drio. A 'a matina drio, a 'e undése e mèza, i me mena dal co'onèo:
- Siete voi i tre ladri che i ga roba' el vin a Podgornoje? Avanti 1'Alpino Favaro! - E zó 'na scuriatada! ... - Avanti 1'Alpino Amadio! - E zó 'na scuriatada anca a mi su 'a crosèra de 'e spa'e! ... E cussi anca a quealtro; e cussita se 'a 'von passada. Ma per punission i me ha manda' da novo a Podgornoje a scargar vagoni de pan e de sùccaro... Cussi 'a iera...
D. - Mi racconti della ritirata.
R. - Mi ho scominçia' 'a ritirada al disdoto de diçembre, ma no recorde pi' el paese da onde che son partio; e a 'a matina a 'e oto son sta' ciapa' dai russi. E da quel di 'von scominçia' a viver cussi, che no se savéa gnanca noaltri co' chi se iera, dove che se ièra e cossa che se fea: a viver cussi, a scotadéo, disémo! ... 'Na not, iera ciaro de luna, mi ère drio 'ndar verso un'isba e vede vègner oltra un col fusil; me ha vist anca lù e se ha ferma': mi 'vée paura de 'u e lù '1 véa paura de mi... E po'... no' '1 gèra un da Povejan?! Son entrai in 'sta casa: - "Nema partisan? Kartoske?" - ghe 'von domanda' se ghe n'era partigiani e se 'i 'véa un poche de patate da darme. I me ga dito che no 'i 'véa gnent, e magari iera anca vero parché anca 'ori 'i 'a féa stréta. Son 'ndai in te 'a sta'a e 'von vist che ghe n'era 'na bèa manza, b~a grassa che se 'a 'varia magnada anca crua da 'a fam che se 'véa; e 'ori, i paroni, 'i me è vegnesti drìo a racomandarse che no se ghe 'a copesse, che 'i 'véa quéa so'a: - "Nema katurusa! Malakò!" - 'i diséa, e no so pi' cossa altro disésse; e mi no go 'bu corajo de coparla. 'Naltra volta, però, 'von fat nettissia d'un cavaron, anca se i paroni 'i me féa peca' parché no' 'i 'véa altro che quel: però se 'véa fam anca noaltri... Quéa not 'von dormio 'a. Un çerto momento 'i è rivài i soldai russi; i paroni 'i me ha manda' zo in t'el soteraneo e mi me son 'scondùo in t'una bot de crauti e son sta' 'a fin che no' 'i è 'ndai via.
D. - Ma voi vi eravate riorganizzati, oppure ognuno pensava per sè?
R. - Ma che riorganizai! Mi 'vardée 'a me' pèl! Se iera tuti insembrai: romeni, tedeschi, italiani... e ugnun féa come che podéa. Come se féa a riorganizarse 'a, in mèzo a 'a neve, col fred che ghe n'era, sempre 'tacai dai russi che 'i vegnéa de qua, de 'a, da tute 'e bande?... E mort; e ferìi e congeai che i sighea: - 'Iutéme!... Mama!... Signor!... Sant'Antoni!... - E chi che va jutarli?! No se podéa; no se podéa anca se se voésse, parché se iera sfenii tuti quanti che no' se ghe 'a féa pi' a mover i pie'!...
D. - Si è trovato alla battaglia di Nikolayewka?
R. - La i ha fato un macello! Iera al vintisie de zenaro. Un maçeo! Noaltri son rivadi 'a a 'e çinque, sie de matina, tuti sbandai; che se 'véa fat mi no so pi' quanta strada ne 'a neve... a pie'. I tedeschi, inveçe, i vegnéa indrio Co 'e slite, coi cari armati, coi camion... ma tanti 'i caminéa a pie' anca de 'ori! E chi che no' ghe 'a féa pi' e féa par picarse a 'e so' slite o a' so' camion, i ghe tajéa 'e man co 'a bajoneta, i ghe tajéa! Co' son rivadi a Nikolayewka se iera tuti assieme, tuti insembrai. A 'e nove e meza, diese boti 'i è rivai i cari armati russi e 'i ha scominçia' a sbarar. E noaltri se rivéa, un drioman de quealtro; e tuti 'i rivéa e tuti 'i sbaréa...
D. - Ma lei saprebbe dire come si è svolta la battaglia?
R. - Mi no... mi no! Ma gnanca nissuni altri 'o savaria! Se savéa sol che se dovéa 'ndar zo e passar 'a ferovia... e l'on passada, 'a ferovia, cussi... cussi come quand che se spaseméa 'e gaine...
Giugno 1940
Cambio di truppe sul fronte occidentale
Traduzione
R. – … ma sono stati soltanto otto o dieci giorni di guerra. I francesi erano meno di noi, ma ben appostati e armati e nascosti nei forti. Al Piccolo San Bernardo il primo colpo di cannone francese ha rovesciato due casse di scatolette giù per la valle. Dove i francesi hanno resistito di più è stato al Forte delle Traversette. Gli Alpini hanno fatto cordate per andar sù; la nostra artiglieria lo tempestava di colpi; e loro continuavano a sparare! Avevano coraggio questi francesi! È finita che gli artificieri hanno fatto saltare tutto e li abbiamo trovati arrostiti come rane. E quelli che si sono salvati sono usciti fuori e si sono arresi; gli Alpini gli hanno fatti il “presentat-arm”, loro sono sfilati davanti agli Alpini e dopo li hanno abbracciati. Alle quattro della sera è arrivato l’ordine di “cessate il fuoco”; e allora là tutti si davano la mano, si abbracciavano e tutta un’allegria: come alla sagra di Madonnetta, perché credevamo che la guerra fosse finita … E invece il bello … il peggio … doveva ancora arrivare. Da lì siamo andati avanti fino a Grenoble; ci siamo rimasti alcuni mesi a presidiare e poi siamo tornati a Feltre.
D. – Quando e da dove siete partiti per la Russia?
R. – Alla fine di giugno del quarantadue siamo partiti per Aidussina e ci siamo rimasti quaranta giorni. Da lì siamo partiti il quindici agosto – il giorno della sagra di Cusignana - e siamo arrivati a Isium dopo dodici giorni di viaggio: dodici giorni di treno che ogni tanto si fermava e ci davano un po’ di rancio caldo. Dopo siamo andati a Rossosk e là siamo rimasti tre giorni sotto le bombe d’aereo: arrivavano uno dopo l’altro. Siamo andati avanti, avvicinandoci al fronte, e ci siamo fermati a Podgornoje; lì ci hanno dato un pacco che arrivava dall’Italia e dentro c’erano tre lamette per farsi la barba, un paio di calzini di lana e una scatoletta di latte condensato: figurarsi! Con quel bisogno di tutto che avevamo! E avanti, finalmente siamo arrivati sul Don e abbiamo dato il cambio ai rumeni. Loro si erano fermati quasi allo scoperto e non avevano preparato niente; e noi abbiamo cominciato a far buche, camminamenti e gallerie come fanno le talpe in un prato. Andavamo a tagliare alberi per far le armature e a dicembre, quando sono arrivati il freddo e la neve eravamo tutti ben ricoverati.
D. – In quel periodo il fronte era calmo?
R. – Abbastanza. Si sparavano qualche fucilata fra pattuglie di qua e di là dal Don … qualche colpo di mortaio … Ma morti e feriti ce ne sono stati anche allora. Ho visto morire Pagotto: era dietro una bica di frumento … è arrivata una bomba di mortaio e l’ha aperto tutto … come una rana. Là ho visto anche Giuseppe Boscarato. Un giorno mi hanno mandato a Podgornoje a prelevare una botte di vino; me, un certo Piva e Favaro Bruno, uno da Barcon che aveva una gran paura di morire (poi un giorno ha sparato una fucilata a una scrofa, lo hanno tolto dai conducenti, l’hanno rimandato in compagnia e di lui non ho più saputo niente: era il giorno della sagra di Nervosa). Là, a Podgornoje, troviamo un napoletano e Piva gli ha detto:
- Se mi dai una gavetta di vino ti do un marco (ci pagavano in marchi, là).
- D’accordo!
Abbiamo bevuto fino a quando non eravamo ubriachi fradici: avremmo venduto anche i lacci delle scarpe per il vino! Andiamo al deposito e ci facciamo fare il buono per tre botti, invece di una che dovevamo prelevare. Vengono avanti tre botti, ma erano vuote; carichiamo le tre botti vuote e una piena e stiamo per partire; ma tutti i soldati che erano lì hanno cominciato a dire: - C’è vino! C’è vino – e tutti là intorno ci guardavano e volevano vino!
- Guido io i muli – ho detto: li ho picchiati col moschetto, dove prendevo prendevo, e siamo riusciti ad andar fuori. Ma eravamo del tutto ubriachi. E via per la strada con questi muli che correvano. Siamo arrivati all’accampamento e abbiamo rovesciato la tenda del Colonnello.
- Porco cane – ho detto – questa volta mi fucilano!
Mi hanno preso, mi hanno legato al palo davanti alla linea; e là, anche per la paura che i russi mi sparassero, m’è passata la sbornia. La notte non son riuscito a dormire perché avevo paura che mi fucilassero il giorno dopo. La mattina successiva, alle undici e mezzo, mi conducono dal Colonnello:
- Siete voi i tre ladri che hanno rubato il vino a Podgornoje? Avanti l’Alpino Favaro! – e giù una frustata! … - Avanti l’Alpino Amadio! – E giù anche a me una frustata fra le spalle! E così anche a quell’altro. In questo modo ce la siamo cavata. Ma per punizione ci hanno mandato a Podgornoje a scaricare vagoni di pane e di zucchero. … Così andavano le cose …
D. – Mi racconti della ritirata.
R. – Ho iniziato la ritirata il diciotto dicembre, ma non ricordo più il paese da dove sono partito; e la mattina alle otto sono stato catturato dai russi. E da quel giorno abbiamo cominciato e vivere così, che non sapevamo con chi eravamo, dove eravamo e che cosa facevamo; a vivere così, di momento in momento, diciamo! … Una notte, era chiaro di luna, stavo andando verso un’isba e vedo venire avanti uno col fucile; m’ ha visto anche lui e s’è fermato: io avevo paura di lui e lui di me … E poi!? Non era uno di Povegliano!? Siamo entrati in questa casa:
- “Nema partisan? Kartoske?”
Abbiamo domandato se c’erano partigiani e se avevano delle patate da darci. Ci hanno detto che non avevano niente, e magari era anche vero perché anche loro avevano poco o nulla. Siamo andati nella stalla e abbiamo visto che c’era una bella manza, bella grassa che l’avremmo mangiata anche cruda dalla fame che avevamo; e loro, i padroni, ci sono venuti dietro a raccomandarsi di non ammazzargliela, che avevano soltanto quella:
- “Nema Katurusa! Malato!” – dicevano e non so che cos’altro dicessero; e io non ho avuto il coraggio di ammazzarla. Un’altra volta, però, abbiamo fatto fuori un caprone, anche se i padroni ci facevano pena perché non avevano altro che quello: però anche noi avevamo fame. … Quella notte abbiamo dormito lì. A un certo punto sono arrivati i soldati russi; i padroni ci hanno mandato giù nel sotterraneo e io mi sono nascosto in una botte di crauti e ci sono rimasto finché non se ne sono andati.
D. – Ma voi vi eravate riorganizzati, oppure ognuno pensava per sé?
R. – Macché riorganizzati! Io guardavo la mia pelle! Eravamo tutti mischiati: romeni, tedeschi, italiani … e ognuno faceva come poteva. Come si poteva fare a riorganizzarci là, in mezzo alla neve, col freddo che faceva, sempre attaccati dai russi che venivano di qua, di là, da tutte le parti? E morti; e feriti e congelati che gridavano: - Aiutatemi! …Mamma! … Signore! … Sant’Antonio! … - E chi va ad aiutarli?! Non si poteva; non si poteva anche se si fosse voluto, perché eravamo tutti quanti sfiniti che non ce la facevamo più a muovere i piedi! …
D. – Si è trovato alla battaglia di Nikolayewka?
R. – Là hanno fatto un macello! Era il ventisei gennaio. Un macello! Noi siamo arrivati verso le cinque o le sei del mattino, tutti sbandati, che avevamo fatto non so quanta strada nella neve … a piedi. I tedeschi, invece, si ritiravano con le slitte, coi carri armati, coi camion … ma anche tanti di loro camminavano a piedi! E a chi non ce la faceva più e cercava di attaccarsi alle loro slitte o ai loro camion, gli tagliavano le mani con la baionetta, gliele tagliavano! Quando siamo arrivati a Nikolayewka eravamo tutti insieme, tutti mescolati. E alle nove e mezza, dieci, sono arrivati i carri armati russi e hanno cominciato a sparare; e noi arrivavamo uno dietro l’altro; e tutti arrivavano e tutti sparavano …
D. – Ma lei saprebbe dire come si è svolta la battaglia?
R. – Io no … io no. Ma anche nessun altro lo saprebbe! Sapevamo soltanto che dovevamo andar giù e attraversare la ferrovia … e l’abbiamo attraversata, la ferrovia, così … così come galline spaventate …
Torna ai contenuti