Alpino Bressan - Gruppo Alpini Arcade

Gruppo di Arcade
Sezione di Treviso
A.N.A. - Associazione Nazionale Alpini
Vai ai contenuti

Alpino Bressan

Storia del Gruppo > Testimonianze di guerra
Storia del Gruppo di Arcade
Testimonianze di guerra

Dagli appunti presi nel corso di un'intervista effettuata il 10 marzo 1972.
Alpino BRESSAN Narciso - Classe 1920 - Divisione "Pusteria" - 7° Alpini - Battaglione "FeItre" - 65a Compagnia.

D. - Quando è stato chiamato alle armi?
R. - L'undese de marso del 1940. Son sta' un toc a Feltre e dopo me ga toca' un poco de fronte occidentale. Al 9 marso del 1941 son partidi per l'Albania; e 'a i me ga manda' a 'a Compagnia Arditi, per punissión parché gavée roba' un barato'o de marmeata. Comandéa 'a compagnia el Capitano Busoni; viçecomandante iera el Tenente Zambon - medaglia d'oro - morto su 'a çima dei roccioni di Scelani, dove che 'a Compagnia 'a ha fato la prima assión pi' forte. Là, su 'a çima dei roccioni, ghe n'era tre mortai da 105 e quatro metragiiatrici piassae su 'e punte che tute 'e matine 'e sbaréa: ogni do' menuti o un colpo o 'na rafica, che no' se podea gnanca 'ndar a ciòr acqua; e bisognéa 'ndar a ciòrla al fiume Odem, co 'e ghirbe e i mùi: ore e ore de strada. 'Riva l'ordine che 'a nostra compagnia la ha da 'ndar all'attacco dei roccioni. A'ora se se divide: el grosso de 'a compagnia va 'vanti e do' pattuglie, una a destra e una a sinistra, fra 'e quai ghe iere anca mi. 'Ndon 'vanti e no' senton nissuni. Noaltri se credéa che i nostri i fusse 'vanti, fin che se 'von persi e no' se savéa onde che se iera. Ma sensa ordini no se pol retirarse! E son 'stai 'à tuta 'a not, 'cuciai fra 'e rocce... Se sentia i grechi che 'i parléa fra de 'ori, ma no' un colpo, una bomba a man che me fesse capir che anca 'i aitri 'i era rivai... Breve: son stai 'a tuta a not, 'cerchiadi. All'alba' riva su el bataglion "Cadore" e el comandante, el Tenente Co'onèo Boraccia, me dimanda se vo'ón restar co' 'ori o raggiunger el nostro batagliòn. Noaltri ghe 'von dito che se voéa tornar al nostro bataglion e sem tornai indrio. Ma quand che son 'rivai al fiume 'von trova' la passerèa somersa: 'i 'a gavéa mettùa soto acqua per paura de 'i aerei. Son entrai ne 'acqua a nuoto, allacciai per la çintura de 'e giberne e son 'rivai a' altra sponda. De 'a se 'von fat un let de rami de ulivi salvareghi e se 'von buta' zo a riposar. 'Riva un Tenente Co'onèo de 'o Stato Magior de 'la "Pusteria": el primo de noaltri che 'o vede d'a l'atenti e tuti se levon sù e rispondéne. Ma 'sto Tenente Co'onèo l'ha dit: - State giù, state sdraiati; ché avete ben meritato il riposo!
Avemo savu' da 'u' che el nostro Bataglion el 'vea conquista' i roccioni; no sèmo riussìi a tégnerli ma 'von preso i tre mortai che i me sbaréa 'doss.
D. - Che cosa pensa dei soldati greci?
R. - I greci 'i era miserabili e poveri fa noaltri. Gente de fegato, ma sensa mèzi: mai però come noaltri che se ne ghe 'véa manco de 'ori. E come noi se iera costretti a combater dai fassisti, 'ori iera costretti da 'i inglesi! Noaltri se combatéa e i fassisti i ciapéa 'e glorie! Dopo che 'von conquista' Konica, la sfilata a Janina 'a ga fata le Camicie Nere!
D. - E la popolazione greca?
R. - Bona zént! Son sempre stai acolti ben da 'la popo'assión. Ma po' ghe iera diferensa secondo 'e zone: el greco, presempio, l'è pi' accomodante; el montenegrin l'è traditor: davanti 'i te féa 'e bèe e beine, e co' te ieri passa' 'i cavéa fora el fusil da 'na siésa e 'i te sbaréa in te 'a schéna.
D. - Qual'è stato per lei il momento peggiore della campagna di Grecia?
R. - L'è sta' al Tomoni; coi greci che 'i sbaréa da tute 'e part, a domìa e trentaçinque metri de altessa; scarsi de "magnifica" che se iera; e svelti a pissar se no "joanin" se congéea. E 'a son sta' congea' anca mi, a tuti do' i pie'. E fora a far 'a guardia, con quel fred che iera... e fumar sóto 'a manteina parché no 'i me vedesse... e tossir co 'a manega in bóca - che se sbolseghéa tuti come can - parché no 'i me sentisse...
Se 'vea fat 'e caverne de neve e in primo tempo se stéa 'a co' neve sóra, neve sóto e neve de qua e de 'a. Uo', 'e corvè 'e ha scominaçia' a portar sù sópe de tera par far l'manco 'na s'ciantina de sio'o, di pavimento, che no fusse de neve. Sensa acqua: se spetéa che 'a neve del sofito se desfésse e scompartir 'e josse! Mi stée anca ben, parché fée l'attendente al Tenente Maestrelli; e quand che el Tenente l'é sta' ferlo e l'é 'nda' via, mi ho ciapa' el saco péo e 'i scarponi Vibram, che me paréa d'esser un siór! Là 'vée cata' anca Mario Basso. Vegne zo e trove el Capitano Kirkner - un cancaro trentin - che me dise che 'i scarponi Vibram e el saco-péo i iera in dotassión so'amente che de 'i uffiçiai, e me 'i ciòl sù, me 'i ciòl! ... Cancaro lù e so' santo'a sióra!
D. - E coi partigiani come ve la siete cavata?
R. - 'I era bastardi, 'i era; sibèn che 'i era casa sóa.. Al Lago di Rieka 'von trova' 'na co'óna de Camicie Nere, tuti copai: 'i véa incendia' i camion e i autisti i 'i era 'a', morti brusai sul vo'ante... A Passo Jabuka ghe ha toca' a 'a 77a del "Beùn": trucidai, 'verto el stomego, tolto el cuor e messo un sass, 'na croda...
D. - Qualche altro episodio, magari un po' curioso?
R. - In guera non ghe n'è robe curiose. Se stéa mal, par tut. Co' sem tornai indrio per 'ndar a far la contumacia a Postumia - che po' i me ha manda' in Francia a presidiar -, un cusinier el ga fato el cafè col pévaro al posto del sùcaro; e pasta e fasiòi che 'l 'véa mess giarin al posto de fasiòi. Son 'ndadi reclamar al comando: fiòi de cani, no 'i era d'acordo anca 'ori!... Dura l'è stada; dura! Pi' che sia in Grecia: 'a 'von 'assa' tanti morti, sepuii soto 'na spana de tera o soto 'e crode, in te 'e fosse comuni, o soto 'a neve par i corvi in primavera...
Fronte greco-albanese, 1941
Cimitero Militare Alpino di GRAMSKJ
(Foto offerta dallAlpino Vittorlo PAGOTTO)
Traduzione

D. – Quando è stato chiamato alle armi?
R. – L’undici marzo 1940: Sono rimasto in po’ a Feltre e dopo mi è toccato anche un poco di Fronte Occidentale. Il 9 marzo 1941 siamo partiti per l’Albania e là mi hanno mandato alla Compagnia Arditi, per punizione perché avevo rubato un barattolo di marmellata. Comandava la Compagnia il Capitano Busoni; vicecomandante era il Tenente Zambon – medaglia d’oro – morto sulla vetta dei Roccioni di Scelani dove la Compagnia ha fatto la prima azione più forte. Là, sulla cima dei Roccioni, c’erano tre mortai da 105 e quattro mitragliatrici piazzate sulle punte che tutte le mattine sparavano: ogni due minuti o un colpo o una raffica, che non si poteva neppure andare a prender l’acqua; e si doveva andare a prenderla al fiume Odem, con le ghirbe e i muli: ore e ore di strada. Arriva l’ordine che la nostra Compagnia deve andare all’attacco dei Roccioni. Allora ci dividiamo: il grosso delle Compagnia va avanti e due pattuglie una a destra e una a sinistra, fra le quali c’ero anch’io. Andiamo avanti e non sentiamo nessuno. Noi credevamo che i nostri fossero avanti, e alla fine ci siamo persi e non sapevamo dove eravamo. Ma senza ordini non si può ritirarsi! E siamo rimasti là tutta la notte, accucciati tra le rocce. Si sentivano i greci che parlavano fra loro, ma non un colpo, una bomba a mano che ci facesse capire che gli altri erano arrivati. In breve: siamo rimasti là, per tutta la notte, accerchiati. All’alba arriva sù il Battaglione “Cadore” e il comandante, il Tenente Colonnello Boraccia, ci ha domandato se volevamo rimanere con loro o raggiungere il nostro Battaglione. Noi gli abbiamo detto che volevamo tornare al nostro Battaglione e siamo tornati indietro. Ma quando siamo arrivati al fiume abbiamo trovato la passerella sommersa: l’avevano messa sott’acqua per paura degli aerei. Siamo entrati nell’acqua, a nuoto, allacciati per la cintura delle giberne e siamo arrivati all’altra sponda. Di là ci siamo fatti un letto di rami di ulivi selvatici e ci siamo buttati giù a riposare. Arriva un Tenente Colonnello dello Stato Maggiore della “Pusteria” e il primo di noi che lo vede dà l’”attenti” e tutti ci alziamo e rispondiamo. Ma questo Tenente Colonnello ha detto:
- State giù, state sdraiati; che avete ben meritato il riposo.
Abbiamo saputo da lui che il nostro Battaglione aveva conquistato i Roccioni. Non siamo riusciti a tenerli, ma abbiamo preso i tre mortai che ci sparavano addosso.
D. – Che cosa pensa dei soldati greci?
R. – I greci erano miserabili e poveri come noi. Gente di fegato, ma senza mezzi: mai, però, come noi che ne avevamo meno di loro. E come noi eravamo costretti a combattere dai fascisti, loro erano costretti dagli inglesi. Noi combattevamo e i fascisti si prendevano le glorie! Dopo che abbiamo conquistato Konica, la sfilata a Janina l’hanno fatta le Camicie Nere!
D. – E la popolazione greca?
R. – Buona gente! Siamo sempre stati accolti bene dalla popolazione. Ma poi c’era differenza secondo le zone: il greco, per esempio, è più accomodante; il montenegrino è traditore: davanti ti facevano i salamelecchi, e quando eri passato tiravano fuori il fucile da una siepe e ti sparavano nella schiena.
D. – Qual è stato per lei il momento peggiore della campagna di Grecia?
R. – È stato al Tomori; coi greci che sparavano da tutte le parti, a duemilatrentacinque metri di altitudine; scarsi di “magnifica” (roba da mangiare) come eravamo e svelti a pisciare se no “giovannino” si congelava. E lì sono rimasto congelato anch’io, a tutti e due i piedi. E fuori a far la guardia, con quel freddo che era … e fumare sotto la mantellina perché non ci vedessero … e tossire con una manica in bocca – tossivamo tutti quanti come cani – perché non ci sentissero.
Avevamo fatto le caverne di neve e nei primi tempi stavamo con la neve sotto, la neve sopra e la neve di qua e di là. Poi le corvè hanno cominciato a portar su piote per fare almeno un po’ di soletta al pavimento, che non fosse di neve. Senza acqua: aspettavamo che la neve del soffitto si sciogliesse per dividerci le gocce! Io stavo anche bene perché facevo l’attendente al Tenente Maestrelli; e quando il Tenente è rimasto ferito e è andato via io ho preso il sacco a pelo e gli scarponi Vibram, che mi sembrava di essere un signore! Là avevo trovato anche Mario Basso. Vengo giù e trovo il Capitano Kirner – un “canchero” trentino – che mi dice che gli scarponi Vibram e il sacco a pelo erano in dotazione soltanto agli ufficiali; e me li prende! “canchero” lui e la sua signora comare! …
D. - E coi partigiani come ve la siete cavata?
R. – Erano bastardi, erano; sebbene fossero a casa loro … Al Lago di Rieka abbiamo trovato una colonna di Camicie nere, tutti ammazzati: avevano incendiato i camion e gli autisti erano morti bruciati sul volante. … A passo Jabuka è toccata alla 77^ del “Belluno”: trucidati, aperto il torace tolto il cuore e messo un sasso, una pietra …
D. – Qualche altro episodio, magari un po’ curioso?
R. – In guerra non ci sono cose curiose. Si stava male, in tutti i sensi. Quando siamo rientrati per far la contumacia a Postumia – che dopo ci mandarono in Francia a presidiare – un cuciniere ha fatto il caffè col pepe al posto dello zucchero; e nella pasta e fagioli aveva messo ghiaino al posto dei fagioli. Siamo andati a reclamare al comando: figli di cani, non erano d’accordo anche loro?! … Dura, è stata; dura! Soprattutto in Grecia: là abbiamo lasciato tanti morti, sepolti sotto un palmo di terra, nelle fosse comuni, o sotto la neve per i corvi in primavera. …
Torna ai contenuti